民族主义是过时国家的意识形态 ? Nationalism is the ideology of obsolete states?

Hits: 42

Национализм – это идеология устаревших государств?

Il nazionalismo è l’ideologia degli stati obsoleti ?

民族主义是过时国家的意识形态?

Nationalism is the ideology of obsolete states?

 

…………………..….   Chi è responsabile per la cura degli stranieri bisognosi a causa della persecuzione o della povertà?   Questa è una domanda alla quale bisogna rispondere con grande circospezione. I grandi cambiamenti nella composizione della popolazione, come ha visto lo stesso Aristotele, di solito significa un cambiamento nella struttura politica all’interno di un paese che ha ricevuto, per qualsiasi motivo, un gran numero di nuove persone.  Australia, Cina, India, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Brasile, Italia, Spagna e Germania possono essere classificati come stati-nazione relativamente grandi che sono riusciti a prendersi cura delle proprie popolazioni. Il numero di stati-nazione nel mondo è di 195. La popolazione mondiale è di circa otto miliardi.  India e Cina, ciascuna con oltre un miliardo di abitanti, sono gli stati più grandi per popolazione;  La Russia è la più grande per area. Gli stati islamici arrivano a cinquanta con una popolazione complessiva di 1,5 miliardi.  Il Vaticano è elencato come lo stato più piccolo. Stati di piccole e medie dimensioni si estendono in tutto il mondo dall’Uruguay, in Polonia, Tanzania, Filippine, Grecia e Costa Rica. Compongono la maggior parte degli stati. Il mondo, in breve, è diviso in stati-nazione in cui si trovano e si definiscono i loro poteri concentrati di polizia, militari e giudiziari.  La parola “nazione” negli stati-nazione si riferisce a coloro la cui rivendicazione di appartenenza è presente a causa del sangue o delle origini tribali. “Stato” si riferisce all’ordine razionale in cui questi stati si organizzano. Lo stato-nazione è in gran parte un’invenzione europea ora universalizzata.  Si distingue da una tribù, da una teocrazia, da un impero o da una monarchia.  La maggior parte degli stati ora si definisce “repubbliche” o “democrazie” indipendentemente dalla forma in cui effettivamente prendono.  A partire dal XVI secolo, lo stato-nazione riunì in sé il controllo su tutte le entità politiche minori all’interno di un determinato limite. Assunse anche molte delle funzioni trascendenti della chiesa o della cultura, specialmente il sistema educativo. Lo stato-nazione aveva la sovranità…   Era l’ultima parola negli affari civili e nelle polemiche dei suoi cittadini.  In generale, si può distinguere una forma costituzionale e totalitaria dello stato-nazione.  Lo stato-nazione costituzionale ha riconosciuto alcuni limiti definiti del potere statale.  La forma tirannica no. Ciascuno di questi stati-nazione ha un concetto di se stesso, della sua unicità espressa in termini scritti o consueti.  Ognuno ha un’organizzazione formale con cui è governato.  Ognuno parlerà una lingua particolare, a volte diversi. Ognuno ha una storia che descrive come è nata.  In generale, vedremo una correlazione tra il modo in cui le persone vivono e la configurazione del loro stato. Le divisioni classiche della monarchia, dell’aristocrazia, della democrazia politica, dell’oligarchia, della tirannia e di una miscela di queste rappresentano ancora un buon modo per distinguere …………………………………..

 

Thanks to Prof. Francesco Tuccari

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento